Corso Galileo Ferraris 78 - Torino
Lun - Ven : 09:30 - 18:30
Telefono: +39 340 852 1506 - info@noemizirpoli.it
Close
Telefono: +39 340 852 1506 - info@noemizirpoli.it
Lun - Ven : 09:30 - 18:30

Assicurazione sci, perché è meglio averla

Assicurazione sci, perché è meglio averla

Siamo in piena stagione invernale, e migliaia di turisti stanno affollando gli impianti sciistici. Tra i tanti che di queste giornate sulla neve conserveranno un buon ricordo, come in tutte le attività sportive, ci sarà in percentuale qualcuno che ne uscirà un po’ malconcio, quindi è sempre bene che gli appassionati di sport invernali sottoscrivano una assicurazione che li tuteli contro i rischi derivanti dagli incidenti che possono verificarsi sugli sci e sullo snowboard.

 

 

Gli incidenti: pochi ma costosi

Lo sci è uno sport diffusissimo e di per sé non è un’attività più pericolosa di tante altre, basti pensare che se la rapportiamo ad altri sport per esempio il calcio e il calcetto dove gli accessi al pronto soccorso per incidente sportivo sono il 46%, la nostra attività invernale con il suo 5,7% risulta essere uno sport più che tranquillo, ma risulta invece molto più “costoso” in caso di infortunio:

 

Le situazioni di rischio che uno sciatore può incontrare sono, infatti, molteplici (soprattutto date dalla velocità e dalla disattenzione), in particolare ora che le stazioni sciistiche sono superaffollate per le vacanze e il rischio di scontri e incidenti è più alto; e se si avesse bisogno di essere soccorsi in pista l’intervento di recupero potrebbe arrivare a costare anche 200 euro, più le spese di trasporto per raggiungere il primo pronto soccorso, quelle per eventuali cure o dispositivi medici ecc.

Ovviamente chi subisce danni a seguito di un incidente causato per colpa esclusiva di un altro sciatore ha diritto ad essere risarcito per i danni subiti; ma se involontariamente fossimo noi i responsabili?

Nessuno quando scende da un pendio è completamente scevro da rischi: non è quindi meglio e più conveniente, soprattutto se si pensa di andare a sciare più volte durante l’anno, stipulare una polizza che protegga in caso di infortunio e tuteli anche nel caso di danni a terzi?

 

Il primo passo è capire se si è già assicurati

È possibile che tra le proprie polizze personali, tessere associative, coperture comprese nei pacchetti viaggio e assicurazioni abbinate allo ski pass si disponga già di una tutela adeguata, per tanto è il caso di saperlo prima di partire, in modo da poterle eventualmente attivare in tempo.

 

Cosa offre il mercato assicurativo

Ci sono polizze di diversa natura con soluzioni che coprono l’infortunio o la responsabilità civile, o entrambe. Un amatore degli sport invernali può valutare di assicurarsi solo per l’evento specifico e solo per il momento in cui va in montagna; tutele utili e pensate ad hoc per le esigenze di uno sciatore (alcune rimborsano addirittura lo ski pass e le lezioni di sci non usufruite).

Ma se invece gli sport invernali non costituiscono l’unica attività extra-lavorativa che viene praticata è il caso di valutare una polizza valida tutto l’anno. Si tratta di coperture estremamente flessibili e personalizzabili e che proporzionalmente non sono più costose e hanno il vantaggio di coprire anche tutte le altre attività che un soggetto può compiere in casa o fuori nel suo tempo libero.

 

Quali eventi coprono le polizze:

Sostanzialmente la copertura interviene in tre momenti: il soccorso appena capita l’evento, la cura delle conseguenze dell’evento, e l’eventuale conseguenza economica che ne può scaturire

 

Assistenza:

  • Invio di un’ambulanza e di un medico
  • Trasferimento sanitario programmato
  • Assistenti domiciliari sanitari e non (per esempio anche un collaboratore per il disbrigo delle faccende domestiche)

 

Infortuni:

  • Spese mediche
  • Assistenza domiciliare
  • Inabilità temporanea
  • Diaria per spese da ricovero
  • Interventi chirurgici
  • Invalidità permanente da infortunio
  • Morte da infortunio

 

RC:

  • Danni causati a terzi o a cose
  • Tutela legale

 

La miglior tutela è la buona condotta

In Italia l’attenzione per la sicurezza di chi pratica sci è alta: abbiamo una normativa di settore (L. 363/2003 ed il “decalogo dello sciatore”) che ricorda ad ogni sciatore di tenere un comportamento prudente e diligente sulle piste, ad indossare (per i minori di 14 anni) il casco da sci o il casco da snowboard, al fine di non arrecare danni a se stessi ed agli altri, evitando in questo modo di incorrere in responsabilità.

Detto ciò non sempre tutto si può prevedere  e se non si vogliono correre rischi è bene parlare con il proprio consulente in modo da avere maggiori dettagli e una visione completa delle coperture a disposizione. in modo da vivere con serenità il proprio tempo libero.

Condividi su:
Gestioni separate e minimo garantito, c'è da fidarsi?